Ritratti

Eliad Cohen: da modello a imprenditore

Una rapida e fortunata carriera da modello, una vita in giro per il mondo e un sito internet per il turismo gay con un’ingegnosa formula alla base. Stiamo parlando di Eliad Cohen.

Foto Eliad Cohen: da modello a imprenditore

 

E’ uno dei modelli più conosciuti e apprezzati nel panorama internazionale. Nel mondo gay, poi, è una vera celebrità, protagonista delle riviste a tema più popolari e della nightlife un po’ in tutte le capitali del mondo. Eppure, Eliad Cohen arriva da un paese che, ad una superficiale valutazione, non sembrerebbe proprio la mecca dei gay… appunto, superficiale perché ormai Israele si sta affermando sempre di più come meta turistica in generale, e soprattutto come destinazione gay frindly per eccellenza, specie per la grande vitalità di una metropoli giovane come Tel Aviv. Di orgoglio gay, vita notturna e imprenditoria turistica abbiamo parlato con Eliad che, nonostante la giovane età, sembra avere le idee molto chiare e un paio di intuizioni imprenditoriali fortunate.


Eliad, com’è la vita di un modello gay in un paese del Medioriente e in Israele in particolare?
Tel Aviv  è una delle città più aperte al mondo gay. E’ sicuramente una città “open mind”, che permette  di vivere una sessualità adulta, senza problemi. In famiglia e con gli amici non ho mai avuto difficoltà a vivere la mia omosessualità... Devo ammettere, certo, che, quando ho fatto  coming out con i miei amici e la famiglia,  è stato strano, perché avevano in mente  lo stereotipo gay, popolare in tv. Ma ora sono contenti e mi amano e apprezzano anche più di prima.

 
A che età e come hai iniziato la tua carriera da modello?
Quando mi sono trasferito a Tel aviv,  ho cominciato a lavorare come barman in diversi bar, e club famosi. Frequentando questo ambiente, ho cominciato ad avere diverse offerte di lavoro come modello. Un giorno, due ragazzi  di Berlino mi hanno scattato delle foto e le hanno usate  sul magazine tedesco Manner. Pochi mesi dopo, sono stato contattato da Spartacus - la più importante guida gay al mondo  – per comparire sulla copertina dell’edizione 2011 / 2012. Nel frattempo avevo anche cominciato a lavorare  nei video di Arisa  (una drag queen molto popolare in Israele) che stava diventando famosa anche fuori dai confini nazionali. Ho cominciato anche a viaggiare, ma soprattutto a sperimentare la vita del turista “gay”. E’ così che  mi è venuto in mente il progetto a cui mi sto dedicando in questo periodo, gay-ville.

 
Parlaci allora, più approfonditamente, di gay-ville. Come funziona e qual è stato il tuo apporto nel realizzarlo?
Gay-ville  è un website che aiuta i viaggiatori gay ad affittare  i loro appartamenti ad altri viaggiatori.  Io e molti i miei amici viaggiamo continuamente; potremmo farlo di più, e meglio, se avessimo costantemente modo di trovare un appoggio nei luoghi che visitiamo. Visitiamo città grandi e gay friendly in tutto il mondo:  Berlino,  Madrid, Tel Aviv, Rio, New York…  in queste città, vogliamo soggiornare nei quartieri gay, sentirci liberi di fare ciò che ci piace, vivere un’atmosfera gay friendly, un ambiente dove poter essere noi stessi, senza problemi. Su queste basi nasce gay-ville. Sul nostro web site è possibile pianificare il viaggio, fin nei minimi dettagli. Spieghiamo cosa succede in ogni città, come trovare un appartamento  o una stanza in un’area gay friendly, e persino affittare l’appartamento del viaggiatore, nel suo periodo di assenza, in modo che possa contribuire  a pagarsi il viaggio!  In più, diamo l’opportunità agli iscritti di mettersi in contratto tra di loro per fare nuove conoscenze e scambiarsi esperienze e consigli.

 
Pensi che il turismo gay  sia un mercato in  crescita?
Il turismo gay  è già da tempo un mercato in espansione, sta registrando un boom! I gay viaggiano in diversi periodi dell’anno, il doppio della media.  Con l’idea alla base di gay-ville, ossia l’affitto dei propri appartamenti come metodo di pagamento del viaggio, noi diamo l’opportunità di viaggiare ancora più spesso!  Tel aviv  è diventata una vera mecca per i gay: abbiamo tutto ciò che un turista può desiderare: tempo magnifico e sole, una nightlife eccitante, vibrante, emozionante, spiagge bellissime, e in più l’atmosfera in città è davvero gay firendly. 

www.gay-ville.com
 

 

 

American Express

Video

Bannerocchio
FORUMPA 2014

Partner e Servizi

dapalab :: grandi progetti per la comunicazione