Libri

"Qualcosa di scritto"

Emanuele Trevi racconta la storia "quasi vera" di un incontro impossibile con Pier Paolo Pasolini nel libro edito da Ponte alle Grazie. Mercoledì 18 aprile, a Roma, l'autore incontra i lettori.

Foto

 

 

Roma, primi anni Novanta. Mentre i sogni del Novecento volgono a una fine inesorabile e Berlusconi si avvia a prendere il potere, uno scrittore trentenne cinico e ingenuo, sbadato e profondo assieme trova lavoro in un archivio, il Fondo Pier Paolo Pasolini. Su quel dedalo di carte racchiuso in un palazzone del quartiere Prati, regna una bisbetica Laura Betti sul viale del tramonto: ma l’incontro con la folle eroina di questo libro, sedicente eppure autentica erede spirituale del poeta friulano, equivale per il giovane a un incontro con Pasolini stesso, come se l’attrice di Teorema fosse plasmata, posseduta dalla sua presenza viva, dal suo itinerario privato di indefesso sperimentatore sessuale e dalla sua vicenda pubblica d’arte, eresia e provocazione.


"Qualcosa di scritto" racconta la linea d’ombra di questo contagio e l’inevitabile congedo da esso – un congedo dall’adolescenza e da un’intera epoca; ma racconta anche un’altra vicenda, quella di un’iniziazione ai misteri, di un accesso ai più riposti ed eterni segreti della vita. Una storia nascosta in Petrolio, il romanzo incompiuto di Pasolini che vide la luce nel 1992 e che rivive qui in un’interpretazione radicale e illuminante. Una storia che condurrà il lettore per due volte in Grecia, alla sacra Eleusi: come guida, prima il grandioso libro postumo di Pier Paolo Pasolini, poi il disincanto della nostra epoca – in cui può tuttavia brillare ancora il paradossale lampo del mistero.


Mercoledì 18 aprile Ore 21
Fandango Incontro
via dei Prefetti 22, Roma

Ne parlano con l'autore
Gianni Borgna, Concita De Gregorio
Marino Sinibaldi, Walter Siti

Letture di Paola Pitagora

 

 

American Express

Video

Bannerocchio
FORUMPA 2014